Home / News / Il settore automotive e Information technology in Bulgaria rappresentano il 20% del Prodotto interno lordo, il 30% delle esportazioni del Paese e soprattutto il 99% di quanto producono viene esportato.

Il settore automotive e Information technology in Bulgaria rappresentano il 20% del Prodotto interno lordo, il 30% delle esportazioni del Paese e soprattutto il 99% di quanto producono viene esportato.

 
 
Nel 2012 nel settore automotive in Bulgaria c'erano 30 aziende e 9.000 persone occupate, il fatturato era di circa mezzo miliardo di euro (inferiore all'1% del PIL). Ora (2020) ci sono oltre 250 aziende, oltre 60.000 persone impiegate, con un fatturato di 6,5 miliardi di euro (oltre il 10% del PIL). E questo è solo l'inizio.
 
Non esiste alcun componente automobilistico che non venga fabbricato in Bulgaria. I componenti sono di diversi tipi di aggregati metallici, alluminio, plastica ... Ma i più grandi successi e il grande potenziale della Bulgaria sono, da un lato, i componenti elettronici (un retaggio dai tempi del comunismo), e il software. 
 
Più della metà del valore intrinseco di un'auto moderna, è dovuto al software e all'elettronica in essa contenuti, che significa per la Bulgaria una grande opportunità perché si può confermare come produttore di articoli più costosi e più redditizi dell’auto del futuro. L’agenzia per gli investimenti del Governo ha comunicato che al momento ci sono tre squadre di grandi aziende tedesche di fama mondiale che sono in tournée in BUlgaria e cercano luoghi per le loro attività. Uno dei tre sta selezionando un sito per la produzione di componenti per auto elettriche.
 
L’intreccio tra l'industria automobilistica e quella del software è un fatto di grande sinergia economico sociale, considerato che chi viene impiegato in questi settori è sempre un rappresentante delle forze lavoro maggiormente istruite e professionalizzate e che i compensi del settore si aggirano a circa 3-4 volte quello medio nazionale (di circa 1.000 leva equivalenti a circa 500 euro). Inoltre, molti giovani che in passato dopo aver conseguito i loro titoli di studio qualificanti all’estero, non trovavano alcuna realizzazione soddisfacente in patria, oggi possono veramente concorrere a posizioni e carriere di tutto rispetto, senza nulla invidiare ai coetanei e colleghi tedeschi o francesi.